Libuniv Livorno
   Libera Università di Godzilla | Note C.S.O.A. Godzilla   
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno Libuniv Livorno
Info
Libera Università di Godzilla Libuniv Livorno
Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Articoli
Libuniv Livorno
Interviste

Pubblicazioni
Libuniv Livorno
Recensioni
Libuniv Livorno
Seminari

Tesi

Traduzioni
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno


GRUPPO "KRISIS"- MANIFESTO CONTRO IL LAVORO

8. IL LAVORO È L'ATTIVITÀ DI CHI SI TROVA IN UNA SITUAZIONE DI MINORITÀ

Non soltanto nella realtà dei fatti, ma anche da un punto di vista concettuale, si può dimostrare l'identità di lavoro e minorità. Fino a pochi secoli fa, gli uomini erano del tutto consapevoli del rapporto fra lavoro e costrizione sociale. Nella maggior parte delle lingue europee il concetto di "lavoro" si riferisce originariamente soltanto all'attività di un essere umano dipendente, del sottoposto, del servo o dello schiavo. Il verbo italiano "lavorare" viene da "laborare", che in latino significava "vacillare sotto un peso gravoso", e indicava in generale la sofferenza e la fatica dello schiavo. Nell'area linguistica germanica la parola "Arbeit" designa la fatica di un bambino rimasto orfano, e perciò diventato servo della gleba. Le parole romaniche "travail", "trabajo" derivano dal latino "tripalium", una specie di giogo che fu inventato per torturare e punire gli schiavi ed altre persone non libere. Nell'espressione tedesca "il giogo del lavoro", risuona un'eco di quel passato.

Dunque il "lavoro" non è affatto, come dimostra l'etimologia della parola, un sinonimo per un'attività umana autodeterminata, ma rinvia a un destino sociale infelice. È l'attività di coloro i quali hanno perso la loro libertà. L'estensione del lavoro a tutti i componenti della società non è perciò nient'altro che la generalizzazione di una dipendenza servile, e il moderno culto del lavoro non è altro che la trasposizione a un livello quasi religioso di questo stato.

Si è riusciti a rimuovere questo rapporto, e a interiorizzarne le pretese sociali, perché la generalizzazione del lavoro è andata di pari passo con la sua "oggettivazione" tramite il moderno sistema produttore di merci: la maggior parte degli uomini, in effetti, non è più sottoposta all'arbitrio di un signore in carne e ossa. La dipendenza sociale è diventata un rapporto astratto all'interno del sistema, e proprio per questo totalizzante. È percepibile dappertutto e proprio per questo così difficile da cogliere. Laddove ognuno è servo, ognuno è anche padrone - è il proprio mercante di schiavi e il proprio sorvegliante. E tutti obbediscono all'invisibile "idolo" del sistema, al "grande Fratello" dell'accumulazione di capitale, che li ha mandati sotto il "tripalium".


torna al sommario
Formato per stampa

Formato per stampa
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Info   |   Articoli   |   Interviste   |   Pubblicazioni   |   Recensioni   |   Seminari   |   Tesi   |   Traduzioni   |   Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Copyleft 1996-2003 Libera Università di Godz