Libuniv Livorno
   Libera Università di Godzilla | Note C.S.O.A. Godzilla   
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno Libuniv Livorno
Info
Libera Università di Godzilla Libuniv Livorno
Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Articoli
Libuniv Livorno
Interviste

Pubblicazioni
Libuniv Livorno
Recensioni
Libuniv Livorno
Seminari

Tesi

Traduzioni
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno


GRUPPO "KRISIS"- MANIFESTO CONTRO IL LAVORO

14. IL LAVORO NON SI PUÒ DEFINIRE DIVERSAMENTE

"Accanto al benessere materiale, possono far crescere anche il benessere immateriale semplici servizi che hanno un rapporto diretto con la persona. Così la sensazione di agio dei clienti può aumentare, se prestatori di servizi tolgono loro il peso dei lavori di casa. Nello stesso tempo aumenta la sensazione di agio dei prestatori di servizi, se cresce la loro autostima grazie all'attività. Prestare un servizio semplice, con un rapporto diretto con un'altra persona, ha sulla psiche un effetto migliore dell'essere disoccupato".
Rapporto della Commissione sulle prospettive per il futuro dei liberi Stati di Baviera e Sassonia, 1997

"Tieni ferma la conoscenza che si conferma nel lavoro, perché la natura stessa la conferma e dice ad essa "sì". In effetti, tu non hai nessun'altra conoscenza, se non quella che hai acquisito con il lavoro, tutto il resto è soltanto un'ipotesi del sapere".
Thomas Carlyle, Lavorare e non disperare, 1843

Dopo secoli di ammaestramento, l'uomo moderno non è più in grado, puramente e semplicemente, d'immaginarsi una vita al di là del lavoro. In quanto principio assoluto, il lavoro domina non soltanto la sfera dell'economia in senso stretto, ma penetra nell'intera esistenza sociale, fino a toccare i minimi dettagli della vita quotidiana e dell'esistenza privata. Perfino il "tempo libero", che è già dal significato letterale un concetto carcerario, serve da tempo a "smaltire" beni, e provvedere così al loro indispensabile smercio.

Ma addirittura al di là del dovere interiorizzato del consumo come fine a se stesso, l'ombra del lavoro si stende sull'individuo moderno anche oltre l'ufficio e la fabbrica. Non appena si alza dalla poltrona e smette di guardare la televisione diventando attivo, ogni suo agire si trasforma subito in una specie di lavoro. Il fanatico del jogging sostituisce il marcatempo con il cronometro, nella palestra da fitness in cromo lucido lo sgobbo vive la sua resurrezione postmoderna, e i vacanzieri si sciroppano chilometri e chilometri nella loro vettura come se dovessero farsi lo stesso percorso annuale di un camionista. Perfino le scopate si conformano ai canoni scientifici della sessuologia, e ai criteri concorrenziali delle panzane da talk-show.

Se re Mida aveva ancora vissuto come una maledizione il fatto che tutto quello che toccava si trasformasse in oro, oggi il suo moderno compagno di sventura è già oltre questo stadio. L'uomo da lavoro non nota neppure più, che a causa dell'adeguamento al modello del lavoro ogni attività perde la sua particolare qualità sensibile e diventa indifferente. Al contrario: soltanto grazie a quest'adattamento all'indifferenza del mondo delle merci, egli conferisce un senso, una giustificazione e un'importanza sociale a un'attività. Per esempio, con un sentimento come il lutto il soggetto lavorante non sa farci gran che; la trasformazione del lutto in un "lavoro di elaborazione del lutto", invece, riporta questo corpo emotivo estraneo a una dimensione nota, in modo da poter comunicare con le persone che hanno lo stesso problema. E perfino esperienze come il sognare, il discutere con un essere umano amato e il rapporto con i bambini, vengono privati di realtà e banalizzati diventando così un "lavoro sul sogno", un "lavoro sulla relazione" e un "lavoro educativo". Sempre, quando vuole insistere sulla serietà del suo agire, l'uomo moderno ha sulle labbra la parola "lavoro".

L'imperialismo del lavoro si riflette dunque nell'uso linguistico quotidiano. Non solo siamo abituati a usare la parola "lavoro" in maniera inflazionistica, ma anche su due livelli di significato completamente diversi. Da tempo ormai, il termine "lavoro" non designa più soltanto (come sarebbe giusto) la forma di attività capitalistica nella fatica tautologica, ma questo concetto è addirittura diventato un sinonimo per ogni sforzo diretto a realizzare un obiettivo, facendo così perdere le sue tracce.

Questa imprecisione concettuale spiana la strada a una critica della società del lavoro tanto riguardosa quanto banale, che si realizza partendo da presupposti rovesciati, e cioè dall'imperialismo del lavoro, inteso in senso positivo. Alla società del lavoro viene rimproverato proprio di non dominare ancora a sufficienza la vita con la sua forma di attività, perché comprenderebbe il concetto di "lavoro" "in maniera troppo limitata", scomunicando cioè moralisticamente il "lavoro per se stessi" o l'"iniziativa personale non retribuita" (lavori di casa, aiuto ai vicini, ecc.), e farebbe valere come "vero" lavoro soltanto il lavoro retribuito con criteri di mercato. Una nuova valutazione e un allargamento del concetto di lavoro dovrebbe eliminare questa fissazione unilaterale, e le gerarchie che ne conseguono.

Questo pensiero non vuole dunque l'emancipazione dai vincoli dominanti, ma piuttosto un'aggiustatina semantica. La crisi innegabile della società del lavoro deve essere risolta facendo sì che la coscienza sociale elevi "veramente" forme di attività finora considerate inferiori all'aristocrazia del lavoro accanto alla sfera di produzione capitalistica. Ma l'inferiorità di queste attività non è semplicemente il risultato di una determinata visione ideologica, bensì appartiene alla struttura di base del sistema produttore di merci, e non la si può superare con ben intenzionate ridefinizioni morali.

In una società che è dominata dalla produzione di merci come fine in sé, può valere come ricchezza vera e propria soltanto ciò che è rappresentabile in forma monetarizzata. Il concetto di lavoro che ne deriva influenza certo sovranamente tutte le altre sfere, ma solo negativamente, nella misura in cui segnala quanto queste siano da esso dipendenti. Così, le sfere esterne alla produzione di merci restano nell'ombra della sfera di produzione capitalistica, perché non rientrano nell'astratta logica imprenditoriale di risparmio di tempo - anche e proprio quando sono necessarie alla vita come il settore d'attività, separato e definito come "femminile", dei lavori casalinghi, della dedizione personale, ecc.

Un allargamento moralizzante del concetto di lavoro, invece della sua critica radicale, non soltanto nasconde il vero imperialismo sociale dell'economia produttrice di merci, ma si inserisce perfettamente nelle strategie autoritarie della gestione della crisi da parte dello Stato. La richiesta, avanzata dagli anni 70 in poi, di "riconoscere" anche il "lavoro casalingo" e le attività del "terzo settore" come lavoro a pieno titolo, puntava inizialmente a ottenere trasferimenti di risorse finanziarie provenienti dallo Stato. Ma lo Stato in crisi rovescia la frittata, e mobilizza l'impeto morale di questa richiesta nel senso del famigerato "principio di sussidiarietà" proprio contro le sue speranze materiali.

Il panegirico dedicato al "volontariato" e all'"iniziativa civica" non consiste nell'autorizzazione a pescare nelle alquanto vuote casse statali, ma diventa un alibi per la ritirata sociale dello Stato, per i programmi di lavoro obbligato in via di realizzazione e per il meschino tentativo di scaricare il peso della crisi principalmente sulle donne. Le istituzioni sociali ufficiali vengono meno ai loro obblighi con l'appello a "noi tutti", tanto gentile quanto a buon mercato, a voler cortesemente d'ora in poi combattere con autonome iniziative private contro la miseria, sia quella propria, sia quella altrui, e rinunciare a fare richieste materiali. Così i salti mortali nella definizione del concetto, comunque sempre santificato, di lavoro, che vengono intesi a torto come un programma di emancipazione, spalancano la porta al tentativo dello Stato di compiere il superamento del lavoro salariato, con l'abolizione del salario e il mantenimento del lavoro nella terra bruciata dell'economia di mercato. Involontariamente si dimostra così che l'emancipazione sociale oggi non può avere come contenuto la ridefinizione del lavoro, ma soltanto la consapevole svalorizzazione del lavoro.


torna al sommario
Formato per stampa

Formato per stampa
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Info   |   Articoli   |   Interviste   |   Pubblicazioni   |   Recensioni   |   Seminari   |   Tesi   |   Traduzioni   |   Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Copyleft 1996-2003 Libera Università di Godz