Libuniv Livorno
   Libera Università di Godzilla | Note C.S.O.A. Godzilla   
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno Libuniv Livorno
Info
Libera Università di Godzilla Libuniv Livorno
Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Articoli
Libuniv Livorno
Interviste

Pubblicazioni
Libuniv Livorno
Recensioni
Libuniv Livorno
Seminari

Tesi

Traduzioni
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno


GRUPPO "KRISIS"- MANIFESTO CONTRO IL LAVORO

10. IL MOVIMENTO DEI LAVORATORI FU UN MOVIMENTO PER IL LAVORO

"Il lavoro deve tenere lo scettro, deve essere servo soltanto chi ozioso se ne sta, il lavoro dove governare il mondo perché soltanto il lavoro fa girare il mondo"
Friedrich Stampfer, In onore del lavoro, 1903

Il classico movimento dei lavoratori, che iniziò la sua ascesa soltanto dopo la sconfitta delle antiche rivolte sociali, non combatté più contro le imposizioni del lavoro, ma sviluppò addirittura un'iperidentificazione con ciò che sembrava ineluttabile. Quel che importava erano soltanto i "diritti" e i miglioramenti all'interno della società del lavoro, i cui vincoli erano già stati profondamente interiorizzati. Invece di criticare radicalmente, come un irrazionale fine tautologico, la trasformazione di energia umana in denaro, il movimento dei lavoratori assunse in prima persona il "punto di vista del lavoro" e concepì la valorizzazione come un dato di fatto positivo e neutrale.

Così, a modo suo, il movimento dei lavoratori continuò la tradizione dell'assolutismo, del protestantesimo e dell'illuminismo borghese. L'infelicità del lavoro divenne il falso orgoglio del lavoro, che ridefinì come un "diritto umano" la propria trasformazione in materiale umano, a disposizione del moderno idolo. Gli iloti addomesticati del lavoro rigirarono ideologicamente la frittata, e svilupparono uno zelo missionario, nel reclamare da una parte il "diritto al lavoro" e dall'altra il "dovere del lavoro per tutti". La borghesia non fu combattuta in quanto titolare di funzioni nella società del lavoro, ma al contrario insultata con l'epiteto di "parassita" proprio in nome del lavoro. Tutti i membri della società, senza eccezioni, dovevano essere reclutati negli "eserciti del lavoro".

E così lo stesso movimento dei lavoratori divenne un battistrada della società del lavoro capitalistica. Fu il movimento dei lavoratori a imporre, contro gli ottusi borghesi, nel diciannovesimo e all'inizio del ventesimo secolo, i livelli ulteriori di depersonalizzazione nello sviluppo del lavoro, come un secolo prima la borghesia aveva avuto in eredità il sistema assolutistico. E questo fu possibile soltanto perché i partiti dei lavoratori e i sindacati avevano avuto, nella loro adorazione del dio lavoro, una relazione positiva anche con l'apparato statale e con le istituzioni della gestione repressiva del lavoro, che non volevano più abolire, ma occupare loro stessi, in una sorta di "lunga marcia attraverso le istituzioni". In tal modo ripresero, proprio come aveva fatto in precedenza la borghesia, la tradizione burocratica dell'amministrazione d'uomini nella società del lavoro, cominciata nell'età dell'assolutismo.

L'ideologia di una generalizzazione sociale del lavoro richiedeva però anche un nuovo sistema politico. Al posto della suddivisione in ceti con differenti "diritti" politici (per esempio il diritto di voto censitario) nella società dove il lavoro si era imposto solo in parte, dovette farsi strada la generale uguaglianza democratica nello "Stato del lavoro" compiuto. E le irregolarità nel funzionamento della macchina della valorizzazione, non appena questa determinò l'intera vita sociale, dovettero essere appianate con lo "Stato sociale". E anche di questo processo il movimento dei lavoratori offrì il modello. Con il nome di "socialdemocrazia" diventò il più grande "movimento dei cittadini" della storia, che però si rivelò soltanto un autoinganno. Infatti in democrazia tutto è trattabile, tranne i vincoli della società del lavoro, che invece sono presupposti come un assioma. Ciò di cui si può discutere, sono soltanto le modalità e le forme che prendono questi vincoli. C'è sempre e soltanto la scelta tra Pronto e Dixan, tra peste e colera, tra volgarità e stupidità, tra Kohl e Schroeder, tra D'Alema e Berlusconi.

La democrazia della società del lavoro è il più perfido sistema di dominio della storia: un sistema dell'autorepressione. Perciò questa democrazia non organizza mai la libera autodeterminazione dei componenti della società riguardo alle risorse comuni, ma soltanto la forma giuridica che regola i rapporti fra le monadi lavoratrici, separate socialmente l'una dall'altra, che si devono vendere sui mercati del lavoro. La democrazia è il contrario della libertà. E così necessariamente i democratici uomini da lavoro finiscono per dividersi in amministratori e amministrati, in imprenditori e dipendenti, in élites funzionali e materiale umano. I partiti politici, anzi proprio i partiti dei lavoratori, rispecchiano fedelmente questa relazione nella loro struttura. Leader e militanti, vip e popolino, cordate e simpatizzanti, tutte queste suddivisioni rimandano a un rapporto che non ha niente a che fare con un dibattito aperto e la ricerca di soluzioni. È una parte integrale della logica del sistema il fatto che le stesse élites siano meri funzionari dell'idolo "lavoro" e esecutori delle sue cieche deliberazioni.

Almeno da quello nazista in poi, tutti i partiti sono partiti dei lavoratori e nello stesso tempo del capitale. Nelle "società in via di sviluppo" dell'Est e del Sud, il movimento dei lavoratori si trasformò nel partito del terrore di Stato, che organizzò la modernizzazione; a Ovest si trasformò in un sistema di "partiti popolari" con programmi intercambiabili e leaders d'immagine per i media. La lotta di classe è finita perché la società del lavoro è finita. Le classi si dimostrano essere categorie funzionali sociali di un sistema feticistico comune, nella stessa misura in cui questo sistema si esaurisce. Quando socialdemocratici, verdi ed ex-comunisti si fanno avanti nella gestione della crisi e sviluppano programmi repressivi particolarmente infami, allora dimostrano di non essere altro che i legittimi eredi di un movimento dei lavoratori, che non ha mai voluto altro che lavoro a qualsiasi prezzo.


torna al sommario
Formato per stampa

Formato per stampa
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Info   |   Articoli   |   Interviste   |   Pubblicazioni   |   Recensioni   |   Seminari   |   Tesi   |   Traduzioni   |   Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Copyleft 1996-2003 Libera Università di Godz