Libuniv Livorno
   Libera Università di Godzilla | Note C.S.O.A. Godzilla   
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno Libuniv Livorno
Info
Libera Università di Godzilla Libuniv Livorno
Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Articoli
Libuniv Livorno
Interviste

Pubblicazioni
Libuniv Livorno
Recensioni
Libuniv Livorno
Seminari

Tesi

Traduzioni
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno


La crisi

Il precipitare degli avvenimenti in Palestina porta allo scoperto un altro drammatico anello nella catena della crisi del sistema globale capitalistico. I fenomeni acuti di questa crisi incalzano sempre più ravvicinati e con un'intensità ogni volta crescente. Le guerre dei Balcani e del Kossovo, la crisi Argentina, l'intervento in Afganistan, l'esplosiva situazione mediorientale, non rappresentano che gli episodi più drammatici e innocultabili di un medesimo scenario internazionale.

In questo contesto la nuova fase aperta con l'attentato alle torri gemelle di New York appare con sempre maggiore evidenza come un'azione preventiva degli Stati Uniti volta a predisporre un dispositivo di intervento adeguato alla nuova dimensione della crisi.

La drammaticità degli avvenimenti in Palestina assume un significato del tutto particolare in quanto mette a nudo lo spaesamento complessivo della classe dirigente internazionale di fronte alla propria inesorabile crisi. Se la reazione americana all'attentato del 11 settembre ha avuto come obbiettivo principale, sul piano dello Spettacolo, quello di mostrare un'imperturbabile capacità d'iniziativa della principale potenza mondiale, tale da confermare agli occhi dell'umanità intera la sua assoluta capacità di controllo del sistema globale, la crisi mediorientale rischia di rovesciare drasticamente quest'apparenza. Schiacciata dalle sue stesse contraddizioni, l'amministrazione Bush si troverà costretta con tutta probabilità ad imboccare la via di un'ancor più drammatica radicalizzazione dei dispositivi di gestione della crisi.

Alcuni osservatori, neppure sfiorati dalla paradossalità della cosa, evidenziavano l'interesse degli Stati Uniti al "raffreddamento" della crisi in Palestina in vista della preparazione di un contesto adeguato all'iniziativa nei confronti dell'Iraq: sedare un conflitto per aprire una guerra…

Qual è dunque la posta in gioco, se non quella di trasformare surrettiziamente la nuova dimensione della guerra permanente in cui il pianeta sta precipitando, in quella di una guerra deliberatamente provocata, di una guerra-missione dell'Occidente, condotta in nome e per conto della libertà e della democrazia ("Endouring freedom")?

Il volto di Sharon, che qualcuno tenterà di disegnare come quello di una scheggia impazzita, rappresenta dunque il prodotto di un improvviso malfuzionamento del dispositivo spettacolare, un dispositivo saturato nel suo congegno di produzione-falsificazione della realtà al punto da far balenare insieme l'immagine della lotta al terrorismo come il bene contro il male e il suo "doppio": Bin Laden e i Talebani, come Arafat e i palestinesi.

In ogni caso, qualunque sarà la soluzione che arginerà la crisi palestinese come crisi localizzata, mediante una guerra totale in Medio Oriente e l'imposizione di una futura pax americana, o grazie ad un contenimento del conflitto con l'eventuale costituzione di un Stato in Palestina, non è difficile prevedere che le aspettative dei palestinesi e dell'insieme delle popolazioni arabe resteranno in gran parte disattese: un governo diretta emanazione degli Stati Uniti altrettanto che uno pseudo governo nazionale palestinese non potranno infatti che restare rigidamente subordinati alla logica profonda della crisi.



by Giannozzo the Kid

Back

Formato per stampa

Formato per stampa
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Info   |   Articoli   |   Interviste   |   Pubblicazioni   |   Recensioni   |   Seminari   |   Tesi   |   Traduzioni   |   Link
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Libuniv Livorno
Copyleft © 1996-2003 Libera Università di Godz